// archives

malattia terminale

This category contains 5 posts

Seminario “Perdere senza perdersi – L’accettazione del limite”

PERDERE SENZA PERDERSI L’ACCETTAZIONE DEL LIMITE Docente: dr. Alberto Vignali, psicologo, psicoterapeuta   Sabato 6 dicembre 2014 Ore 15-18 Auditorium – Istituto Musicale Pareggiato “G.Lettimi” via Cairoli n° 44 – Rimini Contributo € 15 + quota associativa   L’accettazione del limite come modalità di elaborazione del lutto e di fronteggiamento della perdita. Il lutto è […]

La mancanza di consapevolezza di diagnosi e prognosi

Le infermiere entrano e dicono che devo mangiare, o mi indebolisco troppo, i dottori vengono e mi parlano del nuovo trattamento che hanno cominciato, e si aspettano che io ne sia felice; mia moglie viene e mi parla del lavoro che spera io faccia quando esco di qui, e mia figlia mi guarda e dice: […]

La comunicazione di diagnosi e prognosi

A fronte dell’importanza della consapevolezza nei pazienti oncologici (descritta in letteratura), della loro aumentata conoscenza e percezione dei propri diritti e delle norme previste dal codice deontologico dei medici, nella pratica clinica spesso tali soggetti non sono consapevoli di diagnosi e ancor meno di prognosi. Nella ricerca “Consapevolezza di diagnosi e prognosi in pazienti oncologici: […]

L’OPERATORE SANITARIO DI FRONTE ALLA MORTE

Il morente spesso suscita ansia e paura in chi lo circonda perché chi sta per morire testimonia sul fatto che “tutti” prima o poi moriranno; è quindi del tutto naturale sentirsi ansiosi, spaventati e adottare meccanismi di difesa anche inconsci per proteggersi dall’ammissione della propria vulnerabilità. Per questo, nell’assistere la persona morente ed i suoi […]

MALATTIA TERMINALE E MORTE

Sin dall’infanzia ci rendiamo conto che gli altri muoiono, che muoiono gli estranei così come muoiono i nostri parenti ed i nostri familiari; ciò ci induce alla consapevolezza che anche noi moriremo e questo confronto con la realtà ci stimola più o meno frequentemente a rappresentarci la nostra morte. Eppure esiste una generale tendenza a […]