Pin It
//
you're reading...

attaccamento

Stile d’attaccamento e relazioni affettive

Al contrario di quanto avviene nel film "A letto con il nemico", spesso le donne maltrattae fanno fatica a separarsi da partner maltrattanti (anche a causa degli stili d'attaccamento)

Al contrario di quanto avviene nel film “A letto con il nemico”, spesso le donne maltrattae fanno fatica a separarsi da partner maltrattanti (anche a causa degli stili d’attaccamento)

Le persone con un attaccamento sicuro sono:
– autonome
– in grado di dare cure
– in grado di chiedere cure
– capaci di gestire i conflitti tramite la negoziazione.
I soggetti caratterizzati da un attaccamento ambivalente:
– non sono autonome ma hanno bisogno di appoggiarsi a qualcuno
– sono incapaci di dare cure in modo contingente alle richieste del partner: le possono dare in modo controllante e invadente quando l’altro non le chiede e non dare quando l’altro le chiede
– si pongono sempre come bisognosi di cure, deboli e fragili
– gestiscono il conflitto attraverso la negoziazione coercitiva, costringendo il partner a fare ciò che vogliono.
Gli individui che hanno avuto un attaccamento evitante:
– sono autonomi
– sono incapaci di dare cure perché si infastidiscono di fronte alle richieste di cure dell’altro
– sono incapaci di chiedere cure e possono anche mostrarsi infastiditi di fronte all’offerta di cure
– gestiscono il conflitto fuggendo.
Gli stili di attaccamento si riflettono nei MOI (modelli operativi interni), che sono in sintesi l’interiorizzazione delle figure di attaccamento e che a loro volta influenzano la scelta del partner: ognuno tende a scegliere un partner che confermi le proprie credenze e aspettative sulle relazioni affettive e su se stesso.
Per questo le persone con un attaccamento sicuro tendono a sceglierne altre con un attaccamento sicuro, mentre chi ha un attaccamento insicuro (ambivalente, evitante, disorganizzato) tende ad avere partner con un attaccamento insicuro.
Ad esempio, è piuttosto tipica la relazione tra un uomo evitante e una donna ambivalente: un uomo evitante svolgerà da un punto di vista materiale la funzione di appoggio di cui necessita la persona ambivalente, al contempo svalutandola, il che confermerà le credenze su se stessa di quest’ultima, che si sente incapace; sentendosi così sempre più incapace, potrà sempre più chiedere accudimento al proprio partner e la relazione potrà così continuare per sempre in modo infelice. Lo stesso vale per le donne maltrattate che più vengono maltrattate più cercano accudimento, ma purtroppo verso gli stessi uomini maltrattanti.